« Torna agli articoli

BELLA PRESTAZIONE!

La marcia d’avvicinamento al campionato continua con un’amichevole in famiglia. Per le Esordienti una larga vittoria con sei reti all’attivo, piccola rivincita della sconfitta subita in campionato. Il Trezzo ha risentito dell’assenza pesante della bomber Cicolella (e dei due compagni di reparto). Partita dopo partita le ragazze di mister Cambiaghi assimilano sempre più l’approccio giusto alla gara (concentrazione e continuità), nonché un’impostazione del gioco già dalla retroguardia. Contro il Trezzo infatti gli esterni difensivi Chignoli, Mazzoleni e Benaglia hanno partecipato bene al “giropalla” ed attuato tempestivi inserimenti, anche in attacco.
Primo tempo tutto di marca biancoazzurra. Già al 2′ Contessotto, su corner, piazza la stoccata vincente. Chignoli prende le misure al 5′ (il tiro finisce di poco a lato) e raddoppia al 10′ con un tiro-cross soltanto toccato dal portiere.
Il Mozzanica mantiene l’iniziativa anche nella seconda frazione. Il Trezzo gioca per lo più di rimessa costringendo Maffezzoli prima al rinvio da fuori area (2′), poi alla presa su uno spiovente. Contessotto ha il piede “caldo”: al 13′ un’altra sua conclusione dal limite finisce fuori di poco. Nel mezzo Campana detta i tempi e lancia a rete. Il gol arriva al 18′ grazie ad un destro incrociato di Riccelli, pescata in area da un preciso traversone di Vattiato. Poco prima dello scadere Demaio insacca con una botta di sinistro dal limite.
Nell’ultimo tempo Cambiaghi arretra Campana in difesa e sposta la versatile Agazzi in regia. Quest’ultima al 2′ semina un paio di avversari e dalla sinistra mette in mezzo un invitante pallone non raccolto da nessuno. Contessotto dal limite piazza un’altra conclusione vincente (4′). Le biancoazzurre non appena possono vanno al tiro: ci provano in successione Agazzi, un altro paio di volte Contessotto, Mazzoleni, Fumagalli. L’ultima rete arriva da un preciso pallonetto dell’eclettica Mazzoleni (schierata nell’ultima frazione da esterno sinistro d’attacco): la palla, scavalcato il portiere, s’insacca nell’angolo opposto

+Copia link