« Torna agli articoli

SOLO LA TRAVERSA FERMA IL TREZZO

GIOVANISSIMI FASCIA A ’02

Campionato: MEDA 1913 – TREZZO 0-0

Il Trezzo per continuare a stupire, il Meda per dimostrare di essere all’altezza del nuovo girone. Queste sono le motivazioni che aleggiano nel pre gara del match di domenica scorsa.

I biancorossi tornano per la terza volta in meno di un anno allo Stadio “Comunale” di Meda: la prima volta è stata il 13 febbraio scorso ma la pioggia non mi permise il corretto svolgimento della partita, allora si dovette rigiocare quattro giorni dopo in settimana e in serata e al Trezzo bastò la rete di Fiorentini per portare a casa i tre punti.

Sia i biancorossi che i bianconeri si trovavano nella zona bassa della classifica, mentre adesso si cercano altri tipi di risposte. Cercare di iniziare al meglio.

Su un terreno di gioco non facile come quello del Comunale di Via Busnelli, il Trezzo scende in campo con il classico 4-1-4-1 con Pellizzari tra i pali; Parlato, Perego, Angioletti e Airoldi in difesa; Orlandi davanti alla difesa, con Corti e Cavalleri a centrocampo; Papa a sinistra, Cama a destra e Fiorentini come unico terminale offensivo. A disposizione: Leoni, Cuozzo, Monzani, Morrone, Colombo e Ronchi.

Nei primi dieci minuti di match sono i padroni di casa a tenere meglio il campo con il Trezzo che è entrato in campo con un po’ di tensione addosso. Il Meda esce di scena al 15′ con la rete annullata per fuorigioco a Sanyang.

Da lì sono i biancorossi a dettare i tempi di gioco, subito dall’asse Fiorentini-Papa, con l’esterno sinistro che prima calcia debolmente tra le braccia di Colombo, poi è l’estremo difensore bianconero a neutralizzare la sua conclusione.

Il Trezzo continua a macinare gioco con Cavalleri, Orlandi e Corti che prendono le redini in mano del centrocampo. Proprio Filippo Cavalleri è bravissimo a lanciare Cama sulla destra, il cross dell’esterno biancorosso è insidiosissimo ma nessuno trova il tap-in vincente.

Al 28′ arriva l’occasione più ghiotta della partita, Fiorentini, ben lanciato dai suoi centrocampisti, vince un duello spalla contro spalla con Scarabello; si proietta davanti al portiere e fa partire il destro; stavolta Colombo è battuto ma il pallone si stampa prima sulla traversa e poi sulla linea di porta. Il legno salva i bianconeri.

L’arbitro decreta la fine dei primi trentacinque minuti. Meda e Trezzo vanno a riposo sullo 0-0.

Le squadre rientrano in campo, o forse meglio, la squadra rientra il campo, perché il Meda ha un vistoso calo fisico e il Trezzo riesce ancora di più a imporre il proprio gioco.

Entrano Leoni e Cuozzo per cercare un guizzo che sblocchi il risultato. Proprio dai piedi del primo arriva un ottimo lancio per Fiorentini, il quale allarga per l’accorrente Papa che con un pallonetto supera l’estremo difensore bianconero ma la difesa del Meda salva sulla linea di porta.

Entra Monzani in difesa. Ancora Leoni riesce a trovare Fiorentini tra due uomini ma il numero nove biancorosso fallisce a tu per tu contro Colombo. Il match non vuole sbloccarsi.

Mister Oriunto cambia gli esterni nel finale, facendo fare il loro ingresso a Colombo C. e Ronchi; in cabina di regia Morrone sostituisce Orlandi.

Tutto vano. Il Trezzo inizia con un buon 0-0 su di un campo difficile e contro una delle migliori difese del campionato invernale ma che, nonostante tutto, ha il sapore di due persi.

+Copia link